“Ong in acque italiane solo per i soccorsi”. Piantedosi non arretra

Resta ferma la decisione del ministro dell’Interno: l’Italia non negherà gli aiuti a chi ha davvero bisogno ma, conclusi i soccorsi, la nave ong e chi non si trova in stato di emergenza dovrà tornare in acque internazionali