Ventuno anni di carcere per colpa di una consonante

Il caso della condanna ad Angelo Massaro, inchiodato da una telefonata e poi riabilitato